di Angelo De Rosa
S M T W T F S
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31
カテゴリ
以前の記事
お気に入りブログ
メモ帳
最新のトラックバック
スマター
from けめち
珍性器フェランゲリオン
from スンズ
要するに寝てるだけでおk!
from 要旬
【告知!!】今後の出演予定♪
from baritono YUSUK..
Grazie☆
from baritono YUSUK..
芸術の秋♪ ここちよいメ..
from baritono YUSUK..
小川雄亮 「千の風になっ..
from baritono YUSUK..
ライフログ
検索
その他のジャンル
ファン
記事ランキング
ブログジャンル
画像一覧
<   2010年 10月 ( 3 )   > この月の画像一覧
GRAZIE MINISTRO!...da un perverso ateo
Fino a ieri pensavo che gli attuali membri del Governo
italiano fossero una masnada di esseri inutili e dannosi.
Devo ricredermi. Il motivo della mia “conversione”
e’ dovuto al fatto che grazie ad un solerte ministro
della nostra Repubblica (che io ingenuamente
ed irrispettosamente ho sempre definito “delle banane”)
ho appreso (dopo averlo ignorato per tutta la mia vita)
di essere un “pervertito”. Il ministro ha infatti affermato
(Sulle immacolate pagine de “l’Osservatore Romano” )
quanto segue.

“I cristiani dovranno essere consapevoli anche
di ricercare con i musulmani un’intesa su come contrastare
quegli aspetti che, al pari dell’estremismo, minacciano la società.
Mi riferisco all’ateismo, al materialismo e al relativismo.
Cristiani, musulmani ed ebrei possono lavorare per raggiungere
questo comune obiettivo. Credo che occorra un nuovo umanesimo
per contrastare questi fenomeni perversi, perché soltanto la centralità
della persona umana è un antidoto che previene il fanatismo
e l’intolleranza”
f0145121_12173984.jpg

Qui sopra la faccia da acCULturatO
del nostro amato ministro degli esteri (!!!!!!!!).
[PR]
by libertus66 | 2010-10-25 12:14
chiesto ERGASTOLO per DELFO ZORZI
f0145121_23275439.jpg

Cari amici dello Studiolo
Sicuro di rendere gradito servigio al nostro illustre
(ex) connazionale residente a Tokyo Delfo Zorzi (alias Hagen Roi),
ve ne offro gli aggiornamenti relativi al processo in corso
sulla strage di Piazza della Loggia, in cui, il nostro, e’ uno dei
cinque imputati.
Nonostante il geniale memoriale che l’imputato per strage
Delfo Zorzi ha inviato a sua discolpa pochi giorni fa,
in cui fra le altre cose affermava che ''non ha ritenuto
e non ritiene di presentarsi fisicamente
in aula a causa dell'ordinanza di custodia cautelare emessa
a suo carico che considera profondamente ingiusta e che
lo esporrebbe a gravi danni, reali e d'immagine, in
relazione alla sua attivita' imprenditoriale che da' lavoro
a varie centinaia di persone''
(insomma, non vuole rovinarsi l’immagine, per non avere
problemi col suo florido businnes)…
dicevo, nonostante la sua brillante difesa, oggi,
i pubblici ministeri al processo
per la strage di piazza della Loggia, hanno chiesto la
condanna all'ergastolo nei suoi confronti ed altri tre bravi ragazzi.
Per saperne di piu’
http://it.wikipedia.org/wiki/Delfo_Zorzi
tanti auguri Hagen san !!!!!!!!!!!!!!!
[PR]
by libertus66 | 2010-10-21 23:28
Roberto Saviano vs Simone Di Meo
f0145121_344490.jpg

Cari studenti dello studiolo
Riguardo alle passate discussioni relative al libro (e film)
Gomorra, per dovere di completezza, ritengo opportuno riportare
ancora la notizia dell'Ansa di qualche settimana fa relativa
alle accuse che il giornalista Simone Di Meo aveva rivolto
a Roberto Saviano.

NAPOLI, 21 LUG – Il Tribunale di Napoli ha dato ragione a Roberto Saviano respingendo l’accusa di plagio da parte di alcuni quotidiani campani.
‘A volte la verità’ e’ più’ forte del fango’, il commento dello scrittore. Secondo gli editori dei quotidiani Cronache di Napoli e Corriere di Caserta, Saviano avrebbe usato per ‘Gomorra’ parti di loro articoli. Il Tribunale ha invece condannato gli stessi editori per aver copiato articoli che lo scrittore aveva pubblicato su altri quotidiani.

Ricostruiamo l’antefatto. Nell’autunno del 2006, il cronista napoletano Simone di Meo si rivolge a Mondadori per lamentare che Gomorra riporta il testo dell’accordo di pace di Scampia pubblicato da “Cronache di Napoli” senza citare per nome il quotidiano, né la sua firma dell’articolo. Per quanto il brano serva a denunciare come il giornale agisca da portavoce dei clan e quindi la citazione sembra più nuocere che giovare a chi l’ha scritto, la richiesta viene accolta da Saviano “in assenza di alcun obbligo al riguardo” – come stabilisce testualmente la sentenza – a partire dalla nona edizione di ottobre 2006.

Passano due anni e mezzo. A marzo 2009, di Meo, nel frattempo diventato ufficio stampa del senatore Sergio de Gregorio (indagato per concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione e riciclaggio), si accorge che Saviano lo avrebbe plagiato e gli muove causa.

“Il Giornale” lancia la notizia in prima pagina, con al suo interno un’intervista a di Meo, il quale dichiara che “svariati passaggi del libro «sembravano essere il risultato di un evidente rimaneggiamento di articoli di cronaca nera di altrui paternità che senza difficoltà Saviano amava attribuirsi»“. Nessun altro quotidiano riporta la notizia che però in rete continua a alimentare le dicerie sul presunto saccheggio di Saviano.

Alla fine di Meo si ritira. Verosimilmente non mirava a vincere la causa, ma piuttosto ad accreditarsi come “vera fonte” di Gomorra attraverso un clamore mediatico che non è riuscito a innescare con l’azione giudiziaria.

Chi invece decide di proseguire, impugnando in buona parte gli articoli di di Meo, è il suo editore Libra: lo stesso che oltre a “Cronache di Napoli” pubblica anche il “Corriere di Caserta”, ossia le due testate prese a bersaglio sia in Gomorra, sia in successivi interventi quali il monologo televisivo dello “Speciale” di Fabio Fazio del 25 marzo 2009.

Ora la sentenza stabilisce che non esistono i requisiti né del plagio creativo né di quello scientifico, essendo le notizie riportate da di Meo e dai suoi colleghi sia di pubblico dominio, sia prive di qualsiasi particolarità (stilistica, di elaborazione intellettuale, ecc.) per la quale andrebbero tutelate dal diritto d’autore. Anzi, vi è di più: il tribunale riconosce che la rappresentazione degli stessi fatti avviene sotto una luce opposta: quel che è riportato con tono complice in “Cronache di Napoli” e nel “Corriere di Caserta”, in Gomorra viene invece presentato in chiave di denuncia.

Si giunge così, oltre all’assoluzione completa di Saviano, a un inaspettato ribaltamento. Chi ha copiato non è l’autore di Gomorra, bensì “Cronache di Napoli” e il “Corriere di Caserta” che hanno riutilizzato ampi brani di articoli da lui firmati. Entrambe le testate vengono inoltre condannate a riportare il verdetto nelle loro pagine.

(da Ansa)
[PR]
by libertus66 | 2010-10-04 03:39