di Angelo De Rosa
S M T W T F S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31
カテゴリ
以前の記事
お気に入りブログ
メモ帳
最新のトラックバック
スマター
from けめち
珍性器フェランゲリオン
from スンズ
要するに寝てるだけでおk!
from 要旬
【告知!!】今後の出演予定♪
from baritono YUSUK..
Grazie☆
from baritono YUSUK..
芸術の秋♪ ここちよいメ..
from baritono YUSUK..
小川雄亮 「千の風になっ..
from baritono YUSUK..
ライフログ
検索
その他のジャンル
ファン
記事ランキング
ブログジャンル
画像一覧
giapponesi che dicono NO al NUCLEARE(12)
Questa sera dopo un tam tam digitale migliaia di pesone
si sono ritrovate davanti alla residenza del capo del
Governo giapponese Noda.

Poche ore prima il premier aveva dato il via libera alla ripartenza
della centrale nucleare "Oi" di Fukui, il che significa che
nulla cambiera'...

Noda ha rassicurato il popolo giapponese, giurando che
sono stati effettuati tutti i controlli necessari e
che i reattori sono sicuri. Ha dato la sua parola che non
si ripeteranno incidenti e che si assumera'
la responsabilita'di questa prevista ripartenza.

Tuttavia,
sembra che a molti non siano bastate le sue paterne,
amorevoli e "sincere" rassicurazioni.
Oggi molte persone non hanno potuto trattenere
l'ira, ne' le lacrime.

C'era gente evacuata di Fukushima; madri che da
un anno vivono col terrore che i loro figli si ammalino,
o siano gia' contaminati;
giovani preoccupati per il proprio futuro.
Insomma, gente di diverse categorie sociali;
molti giornalisti, tantissimi agenti di polizia in
uniforme e altrettanti in borghese (che si riconoscono
in verita' piu' facilmente di quelli in divisa...).

Chissa' quanto percepira' il presidente Noda per
questo cinismo che ha avuto il coraggio
di dimostrare. Evidentemente molto,
se ha preferito chiudere gli occhi
e tapparsi le orecchie per non sentire
le grida di allarme e di
disperazione che da mesi si levano
al cielo del Giappone.
Grida che hanno sentito fino in Italia,
in Germania e in molti altri paesi lontani,
ma... non qui.

Il businnes e' troppo grande.
La lobby dell'atomo preme.
I burattinai hanno ricominciato il lavoro e
I burattini sono stati mossi...

A Fukushima ancora la situazione non e'
sotto controllo e gia' si riparte.

Che potere ha il denaro!
nulla gli resiste, nemmeo la vita...
soprattutto se si tratta della vita delle persone comuni,
di noi poveracci...

Hanno aspettato che si calmassero un poco le acque.
Ci hanno lasciato sfogare per un anno.
Migliaia di manifestazioni di protesta per tutto il Giappone...
Ci hanno fatto illudere fino a ieri.

Adesso e' tempo di dimostrare chi comanda e...
purtroppo, non siamo certo noi quelli che
hanno l'ultima parola.

I reattori ripartiranno presto.

Le manifestazioni di protesta continueranno ancora,
per anni forse; qualcuno se ne fara' una
ragione di vita, come quella signora che stasera
ha detto: "partecipo per la prima volta
a una manifestazione contro il nucleare,
ho sessantott'anni e ho deciso di
dedicare gli anni che mi restano
da vivere a questa causa".
Chissa' perche' ho provato un sentimento
molto vicino alla rabbia nei suoi confronti.
Me ne sono vergognato.
Ho pensato: "potevi svegliarti prima!!!!"...

Probabilmente comincio a non sopportare piu'
l'indifferenza che dilaga.
Perche' penso che in quest'anno si sarebbe
potuto fare di piu' e meglio.
Perche' la mia proposta di "disturbare"
in modo piu' radicale e' stata vista come
inopportuna dai miei amici attivisti e, forse...lo era.

Ma sono ancora convinto che se tutti in Giappone
s'indignassero veramente,
il Governo non potrebbe non tenerne conto.
Sogno milioni di persone indignate ...
Oggi eravamo tanti, forse tre o quattro mila,
ma anche se fossimo stati in diecimila, saremmo
stati sempre in pochi, ancora troppo pochi
rispetto alla potenzialita' di una metropoli come Tokyo...

Forse mi sbaglio.
Forse veramente non si puo'
piu' far niente.
Forse il numero non conta.

Tuttavia, nonostante la delusione, non
smettero' di partecipare e promuovere le proteste.
Ma mi preoccupo... oggi, come sempre, mi sono
scontrato con gli amici della polizia
...non riesco piu' a trattenermi,
ma questa volta, se un dimostrante
responsabile della sicurezza
non fosse intervenuto, non so cosa sarebbe
successo...

Quando si comincia a perdere la speranza
si fa largo la disperazione...come me,
molti altri proveranno lo stesso sentimento?
Spero di no, altrimenti non sara' necessario
un incidente nucleare perche' avvengano
incidenti gravi in Giappone.
f0145121_110167.jpg
f0145121_1102776.jpg
f0145121_1104626.jpg
f0145121_111083.jpg
f0145121_1112088.jpg
f0145121_1114265.jpg
f0145121_112494.jpg
f0145121_112237.jpg
f0145121_1123922.jpg
f0145121_1133584.jpg
f0145121_114565.jpg
f0145121_114256.jpg

[PR]
by libertus66 | 2012-06-18 01:16